Hai visto il mio corpo da qualche parte?

Tra superlavoro, crisi economica e epifanie personali, per un po’ non mi era servito, e non ricordavo più dove l’avessi messo. A ripensarci, probabilmente era finito tra i panni estivi che ho riposto a novembre, o in mezzo a tutto il bordello di roba del trasloco. Se devo dirla tutta, mi ero seriamente preoccupata di averlo lasciato nella vecchia casa di Roma. Fortuna che a un certo punto mi è venuto il torcicollo, e poi mi si è anche addormentata la gamba sinistra, e così l’ho ritrovato. Ora è a prendere aria sul terrazzo del piano di sopra.

Hang me up to dry

Scritto da

Sono nata in Bulgaria e sono cresciuta in Italia. Mi occupo di traduzioni e revisioni creative, pignole e attente alla qualità per importanti clienti internazionali. Vivo in Olanda con il caro D. Lavoro con l'inglese, l'italiano, occasionalmente con il bulgaro.

Dì la tua